Interior design Domande Trovano Risposta Da Giardinieri Esperti

13 Clausole importanti da aggiungere agli accordi di contratto di interior design

13 Clausole importanti da aggiungere agli accordi di contratto di interior design: clausole

Dopo ampie consultazioni con i clienti, i progettisti di interni devono redigere un modulo di contratto di interior design che fungerà da legame firmato tra il cliente e il progettista di interni. Un accordo contrattuale deve includere istruzioni ben dettagliate su ciò che coinvolgerà il progetto, su come sarà attuato e sulle modalità coinvolte. Deve avere le firme di entrambe le parti in cui concordano di accettare tutti i termini e le condizioni menzionati, in conformità con il progetto di interior design.

La firma di un contratto formale è molto importante. Ci sono stati molti casi in cui il cliente non è soddisfatto del servizio fornito e lo trova perché non ha firmato un accordo stretto con l'interior designer. Il cliente non può fare molto, anche se decide di intentare causa per violazione del contratto.

Allo stesso modo, da parte degli interior designer. Alcuni clienti finiscono per aspettarsi più lavori di quanto inizialmente previsto. Se non è nell'accordo, il dispiacere dei clienti è insostenibile. Senza un accordo stretto, accettabile e firmato da entrambe le parti, il progettista non è responsabile.

Chi richiede documenti di accordo e perché?

Le due parti che richiedono un accordo di servizio di interior design sono:

  • L'interior designer
  • Il cliente o l'organizzazione aziendale

Il progettista fornisce servizi di interior design a un individuo o ad un'azienda e per far funzionare il progetto senza intoppi senza rancore tra le due parti, è necessario raggiungere, redigere e firmare un accordo finale ben dettagliato

Il singolo cliente o azienda che desidera impiegare i servizi di un designer d'interni deve conoscere ogni dettaglio di cosa aspettarsi e vuole anche essere chiaro sui termini e le condizioni del progetto, su come verrà gestito e sulla sua intera disposizione.

L'accordo del contratto di interior design nella sua interezza dovrebbe servire come l'intero accordo tra le due parti che, firmando i documenti, accettano di accettare tutti i termini previsti dal contratto di interior design.

Quali clausole devono contenere gli accordi di contratto di interior design?

In poche parole, ciò che un cliente deve aspettarsi di vedere in un accordo contrattuale ben dettagliato è un accordo di lavoro stabilito con un designer d'interni che è stato impiegato per trasformare uno spazio interno con funzionalità interne nuove o aggiornate.

Tredici clausole principali un documento di contratto di interior design deve contenere:

  1. Specifiche dettagliate
  2. Portata del lavoro
  3. Disegni
  4. Consulenti e appaltatori
  5. Commissioni di progettazione
  6. Garanzie di prezzo (o meno)
  7. Acquisti e acquisti
  8. rimborsi
  9. cancellazioni
  10. Costi rimborsabili
  11. Termini di pagamento
  12. Assicurazione
  13. Fotografare lavori completati

1. Specifiche dettagliate

Il progettista di interni deve sviluppare le specifiche di tutti i lavori da eseguire come dettagliato in pianta e disegni 3D ove applicabile. Le specifiche possono includere le specifiche dell'arredamento interno in relazione alle combinazioni di colori, alle scelte dei tessuti, all'illuminazione, ai mobili e agli arredi proposti e a tutti gli altri lavori di progettazione e progettazione degli interni richiesti dal progetto.

2. L'ambito del lavoro

È qui che i dettagli del designer devono essere il più esaustivi possibile. Laddove il progettista utilizzi una tariffa fissa, ad esempio, l'ambito del lavoro deve essere completo e deve precisare cosa verrà fatto e consegnato al cliente.

Va notato che il lavoro del progettista non include i servizi di appaltatori come appaltatori di architettura, idraulica, illuminazione e ingegneria, e non includeranno neppure modifiche e alterazioni a sistemi strutturali, idraulici, di riscaldamento, elettrici, di aria condizionata o di ventilazione in il progetto di design.

3. Disegni

I modelli dettagliati devono essere allegati al modulo di accordo tra le due parti. Tuttavia, il cliente deve sapere che i disegni sono solo di natura concettuale e servono come concetto di design e non devono essere utilizzati per altri scopi. Ci deve essere chiarezza riguardo allo scopo dei disegni e deve essere indicato come possono o non possono essere usati.

L'onere spetta anche al cliente per garantire che fornisca informazioni accurate al progettista. Deve inoltre essere presente una chiara dichiarazione in cui si afferma che tutti i progetti e gli altri documenti allegati non devono essere utilizzati dal Cliente per scopi diversi da quelli previsti dal contratto di interior design.

4. Consulenti e appaltatori

Poiché un designer non è un appaltatore generale quando un contratto richiede l'inserimento di consulenti e appaltatori, il cliente stipulerà un contratto separato per i propri servizi.

Un architetto arredatore non fornirà una garanzia, garanzia o certificazione della propria parte del progetto e non sarà responsabile né della qualità delle sue opere, dei materiali utilizzati, delle loro prestazioni, né della loro durata. Tuttavia, il progettista deve sorvegliarli ai fini della conformità al suo concetto di design.

5. Commissioni di progettazione

Un modulo di accordo di interior design deve includere la struttura delle commissioni e il modo in cui verranno addebitate le spese e quando verrà implementata ciascuna fase di pagamento. Il cliente deve pagare, secondo i termini, quando viene presentata una fattura. Dopo aver firmato l'accordo, un cliente deve versare al progettista un deposito non rimborsabile che stabilisce una commissione minima per tutti i Servizi di progettazione. Questo deposito verrà accreditato a fronte di tutte le commissioni dovute al progettista al completamento del progetto.

Il progettista deve essere molto chiaro su come intende caricare e questo deve essere chiaramente indicato nei documenti dell'accordo. Devono essere assunti presupposti, altrimenti sarà aperto a controversie da qualche parte lungo la linea.

6. Garanzie di prezzo

Un designer d'interni non può garantire i prezzi di merce, installazione di interni o altri servizi non eseguiti da lui o lei, perché i prezzi dei fornitori sono talvolta soggetti a modifiche e se un cliente è indeciso o incerto e impiega più tempo del necessario per fare un'azienda decisione, la variazione di prezzo di un fornitore sarà fuori dal controllo del progettista. È necessario aggiungere una clausola al riguardo, in modo che il client sia pienamente consapevole, nel caso si verifichi la situazione.

7. Acquisti e acquisti

Un designer non effettuerà ordini né procurerà merci per conto di un cliente fino al ricevimento di un deposito. Nella maggior parte dei casi, i fornitori richiedono pagamenti completi al momento dell'ordine, pertanto il cliente è tenuto a pagare per intero tali beni. Deve essere indicato nel modulo di accordo. Il progettista può anche fornire specifiche al cliente nel caso in cui il cliente preferisca acquistare direttamente dai fornitori.

8. Rimborsi

Una volta acquistati mobili o elementi di arredamento dai rivenditori, la maggior parte degli articoli acquistati non può essere restituita. Gli articoli personalizzati e prodotti appositamente non possono essere restituiti.

Inoltre, poiché gli interior designer sono stati pagati, questi rimangono non rimborsabili anche se gli articoli acquistati vengono restituiti. Nei casi in cui un cliente non è soddisfatto delle scelte e cerca di fare storie, qualsiasi designer capirà perché questa clausola nell'accordo è essenziale.

9. Annullamenti

Così come avviene per i resi, non è possibile effettuare annullamenti di ordini effettuati dopo la firma del contratto. E quando un cliente desidera annullare un ordine già concordato, sarà responsabile delle richieste di pagamento per coprire i costi di cancellazione che possono essere fatturati ogni ora, a seconda del progettista d'interni.

In alcuni casi, le richieste di annullamento saranno valutate per articolo senza garanzie di annullamento. Questi sono uno dei motivi per cui i "tagli per approvazione" (CFA) sono importanti. Gli interior designer devono assicurarsi che i clienti approvino firmando le loro proposte scelte prima di qualsiasi acquisto.

10. Spese rimborsabili

I moduli di contratto devono contenere una clausola che indichi che un cliente si impegna a rimborsare al progettista le spese vive sostenute da lui o lei in relazione al progetto di interior design. Ciò può includere cose come includere ma non servizi di redazione o rendering, spese di trasporto e / o affrancatura e costi di consegna e / o stoccaggio.

Ci deve essere anche un rimborso rimborsabile per viaggio, vitto e alloggio se e dove necessario, purché sia ​​in relazione al contratto.

11. Pagamenti e condizioni di pagamento

Se un designer non presenta a un cliente i termini di pagamento previsti prima della firma di un contratto, il cliente sarà al buio su quando è giusto (o sbagliato) pagare per i servizi resi e crede di poter pagare ogni volta che.

Quindi, i progettisti devono dichiararlo chiaramente nell'accordo di interior design. È anche importante chiarire nell'accordo che le fatture dovute per più di 14 (o 30, a seconda del progettista) matureranno commissioni di ritardo. I progettisti di interni possono anche aggiungere una clausola in base alla quale tutti i lavori cesseranno e la consegna degli articoli verrà trattenuta fino a quando tutte le fatture dovute saranno cancellate.

12. Assicurazione

Ci deve essere una copertura assicurativa per tutti gli arredi, i mobili e tutti gli altri materiali di interior design durante la movimentazione, lo spostamento, le installazioni. Deve essere chiaro nei documenti dell'accordo che il cliente è responsabile del suo pagamento. La copertina deve includere anche per l'interior designer.

Un cliente non deve lavorare senza assicurazione e un professionista dell'interior design non consentirà ai lavori di iniziare senza un'adeguata copertura assicurativa da parte del cliente. Questo è importante, specialmente quando si lavora su progetti di dimensioni medio-grandi.

13. Fotografare le opere completate

Per il portafoglio di opere del designer d'interni, il cliente deve accettare di consentire al designer di fotografare il progetto attraverso tutte le sue fasi di lavoro e dopo che il progetto è stato completato, il che significa semplicemente che ci dovrebbe essere un accordo tra le due parti per "prima e dopo ' immagini.

Se le fotografie verranno utilizzate per motivi commerciali o pubblicitari come la pubblicazione online, sui social media o per marketing e pubblicità, l'architetto d'interni deve impegnarsi a non rivelare il nome o l'indirizzo del cliente senza il previo consenso. L'aggiunta di questa clausola è importante perché aiuterà il cliente a sapere cosa aspettarsi.

Altre cose da considerare

Le clausole del contratto di interior design non si limitano alle tredici sopra elencate. Ci sono alcuni termini e condizioni aggiuntivi che un professionista dell'interior design potrebbe voler includere nell'accordo.

  • Limitazioni della revisione
  • Tariffe per ritardi nei lavori di interior design
  • Danni
  • Scadenza dell'accordo
  • Accesso al progetto
  • Sicurezza sul posto
  • Proprietà dei disegni
  • indennità
  • Visita del sito e limitazioni

Ora che hai scoperto alcune delle clausole più importanti da aggiungere agli accordi di contratto di interior design, potresti voler conoscere il prossimo passo da fare per crearne uno vantaggioso sia per te che per il tuo cliente. Mentre alcuni interior designer possono impiegare i servizi di professionisti per stipulare accordi, è bene sapere che può essere un po 'costoso.

La maggior parte dei progettisti di oggi ora sceglie modelli scaricabili pronti all'uso. Non sono solo buoni da usare così come sono, ma sono anche facili da modificare e pronti per la stampa. I modelli di accordo di contratto di interior design sono modificabili in tutte le versioni di Microsoft Word, Google Docs e PDF e possono essere condivisi digitalmente, ovunque si trovino entrambe le parti.

Ovunque e ogni volta che il progettista di interni richiede ulteriori termini, legalità e ammissibilità, è meglio parlare con un professionista legale per determinare se questi sono giusti per te e la tua attività o meno.

Infine, un'ultima clausola da aggiungere: "Chi possiede il design?"

Il progettista di interni mantiene la proprietà del concetto di interior design, copyright, schizzi, piani e disegni 3D, campioni, campioni, proprietà intellettuale, brevetti e qualsiasi altro materiale preparato per il progetto. L'accordo sul contratto di interior design deve mostrare questi diritti proprietari.

Il cliente non ha il diritto di condividere o utilizzare il design per qualsiasi altro progetto tranne quello detto senza l'esplicita autorizzazione scritta del designer d'interni.

Ulteriori letture:

7 modi in cui gli interior designer addebitano i servizi

Questo articolo è accurato e fedele al meglio delle conoscenze dell'autore. Il contenuto è solo a scopo informativo o di intrattenimento e non sostituisce il consiglio personale o la consulenza professionale in questioni commerciali, finanziarie, legali o tecniche.


Lasciare Un Commento